Che meraviglia!

Quando gironzolo su e giù per il mondo amo osservare artisti di strada e artigiani che trasformano con la loro fantasia l’inimagginabile.

In giro per Mantova ho incontrato Wendy che trasforma i semini provenienti da diverse parti del mondo in gioielli.

Creazioni seeduction adopera elementi naturali per creare fantastici ornamenti femminili.

Ogni semino ha la propria storia e il proprio significato.

Semini.

Creare é il sale della VITA!

Voltare pagina.

Voltare pagina delle volte è semplice e delle volte lo é meno.

La stessa pagina viene letta è riletta prima di cambiare. Probabilmente per paura dell’immenso spazio bianco che una nuova pagina ha.

Eppure si tratta di scrivere in modo creativo con la penna coraggio. Ma ci soffermiamo alla rilettura di parole note del nostro mondo confortevole convinti forse che il proseguo sia poco interessante.

L’olio essenziale che mi accingo ad utilizzare è il Cedro frutti.

Se vuoi scrivere la storia della tua vita, è necessario saper voltare pagina più e più volte.

Fabrizio Caramagna

Il bene si fa tacitamente…

Il bene. Quattro lettere per esprimere un mondo. Esso si fa tacitamente o se ne parla?

Quando mi parlano di opere di bene che scaldano il cuore anche il mio si scalda e penso:”ma basta veramente così poco?” .

Lo faccio ed è vero! Il bene é contagioso, piccoli gesti e tutto si amplifica come un onda… finché naturalmente non si viene distratti da un lamentino o dalla routine e smetti di osservare l’onda che si propaga!

Mi piacerebbe che nella “fantascienza” se ne parlasse ma si da importanza solo a NOI che diventiamo robot privi di emozionie e i robot ricchi di emozioni. Oppure,sogno ancora più grande,mi piacerebbe che venisse sperimentato e condiviso magari anche dal “Cubotto magico della disinformazione” .

Ma non pensiamo a cose eclatanti, a Quelle ci si arriva,gesti che ai nostri occhi di tutti i giorni sembrano banali e scontati!Quando si fa un puzzle da 1000 pezzi voi vi limitate a pensare alla sfida dei mille o osservate i dettagli di ogni singolo pezzetto? Ma quando vedete la Ferrari apprezzate solo la carrozzeria o fantasticate come me,immaginate su ogni singolo bullone che la tiene assieme e su ogni singola chiave inglese che ha permesso di realizza quella ormai super tecnologia?

Parlo per esperienza e son matta! Tu che leggi hai mai vissuto ciò? O son veramente matta?

Propagazione esempio 1: Il suono viaggia longitudinalmente attraverso un mezzo fisico. … La propagazione del suono consiste nella trasmissione di energia acustica da una particella all’altra (non si tratta, infatti, di uno spostamento di particelle, ma di una trasmissione di energia dall’una all’altra). Il suono non può viaggiare nel vuoto.

Propagazione esempio 2:

Una goccia dopo l’altra

Nella quantistica Se ne parla da tempo…

“In essa il propagatore fornisce l’ampiezza di probabilità che una particella viaggi da un luogo ad un altro in un dato tempo, ovvero anche con una certa energia e momento.”

Ma noi siamo fatti di vibrazioni e soprattutto del 75% di acqua vuoi che non veniamo attivati come diapason?

Il Buongiorno si vede dal mattino.

Esempi di propagazioni nanzesi 😂😂. Giornata tipo…

Colazione al top per la mia bimba che deve andare a scuola, non sempre è un magico mondo, ma se già lei non arriva storta è meglio!

3 minuti in assenza di slow.

Quando lavoravo ho sempre cercato l’ antiroutine: non fare sempre la stessa strada. Opzione Macchina…Musica a palla,parcheggio lontano così da fare due passi,complimentarmi per aver superato tutti gli ostaccoli della guida visto che anche essa è un linguaggio ma a volte lasciato alla libera interpretazione…Opzione PEDOVIA,usare i propri piedini. Allora in quel caso osservo con gioia e meraviglia il mondo.

Appuntamento? Se è un Amico lo ritualizzo,se è una figura professionale mi prendo cura di me leggo,osservo e immagino,ascolto musica e perchè no scrivo.

Un Caffè sospeso lo consegno direttamente a chi ha la giornata full e corre. Un fiore reciso può raddrizzare una giornata. Un pacco inaspettato può sorprendere 😂😂 (qualunque esso sia sempre sorpresa è … 🤪) . Un nome in rubrica che non si sente da tanto. Ridere e sdrammatizzare mentre si è nella sfiga più totale. Autoironia. Ridere ridere,ridere.

“Ricevo tanto quando vado dalla mia pizzaiola al top lei, mi regala sempre un pò di buona pizza e lei ha la mia piantina vicino alla cassa,lei chiede poi consiglio e va dalla mia erborista,l’erborista chiacchera con lei è generano…etc etc etc”.

Frasi tipiche:”ma io non ho creatività !”Oppure lei sa che non lavori e ti da la pizza” … NO perché da quando non lavoro non ci vado più, lei è me, siamo così. “Ma il buono è cgln” il buono è sottovalutato.”Ma chi fa del bene la prende in culo” vuol dire che non era incondizionato e spensierato.

Quel che dai ricevi,se non subito anche dopo!

Sperimentare e l’unico.

Dove c è rispetto c è casa.

Nancy dallo spot della Barilla.

Continuo a vederci del positivo…

La scuola elementare importantissima nei primi 5 anni di vita dei più piccoli che si affacciano ovattati ad osservare il nostro mondo adulto,come dice anche UMBERTO GILMBERTI,ha tanto ancora del positivo.

Spetta ad un attenta collaborazione genitori e maestri render questi 5 anni le fondamenta per la nascita di adulti capaci di coesistere pro~attivi nella società.

Personalmente penso,purtroppo non ho l’esperienza diretta quindi le fonti sono per sentito dire e capacità di mettermi nei panni dell’altro,che essere attivi ad una riunione come genitore dove un MAESTRO dedica il suo tempo visto che esce da un giorno lavorativo, sia il TOP.

Ed essere propositivi anziché scagliare rabbia,delusione,rancori su di loro non faccia altro che intoppare ancora di più una SCUOLA che ha già tante difficoltà. E visto che nessuno ha la bacchetta magica sono per la frugalità.

Chi meglio di loro può usarla con i bimbi?

Fare il meglio che possono con ciò che possono è ciò che hanno a disposizione! Un ottima cooperazione genitori e maestri può far tanto.

Penso che i bimbi imparino e così i maestri e così i genitori e se tutto é fatto a colori perchè no anche una SCUOLA SGANGHERATA può riacquistare valore!

Umberto Gilimberti da importanza alle emozioni.

Penso che conoscere le emozioni fin da poccoli sia alla base del dizionario emozionale dell’adulto così da non creare individui psicoapatici.

Dove per psicoapatico Gilimberti intende individui non capaci di distinguere il bene dal male e coesistere nella società senza l’asticella che regola la gravità.

Mi osservo spesso nel mio essere adulta,limiti e diffetti ma mi complimento anche per i preggi e cerco sempre nuovi modi per migliorarmi. Eppure sono uscita dalla stessa scuola di cui ci si lamenta spesso ma che nel tempo avrà pur adeguato il piano di studi alla nuova era del CLIC.

Dove sta l’inghippo o è solo un abitudine al lamento? Mi piacerebbe conoscere…to be continue…

Purtroppo o per fortuna per ora parto benissimo anche limitata dal periodo storico e parlo solo per vissuto personale…

Personalmente finivo la versione di lattino a 01 della notte,studiavo come un cammello all’università perchè senza metodo.

Non so se innato o per educazione Il rispetto prima di tutto.

Ho il ricordo della NOIA ,quanto tempo passato a creare giochi nella NOIA.

Dalla NOIA a MERAVIGLIARSI.

Ora della NOIA ci si lamenta e “paffete” un altra attività subito pronta togliendo l’immaginazione ai più piccini che vengono sballotolati a Destra e Sinistra perdendo l’unica vera ricchezza che è la creativita e soprattutto l’arte del sapersi arrangiare.

Forse con lo scopo di creare dei competitor?

Anche qui non so dare la risposta. Personalmente son per imparare giocando e divertendosi e mi incuriosisce il metodo di apprendimento per mappe ne ho una parole sul frigo 😂.

L’uomo può superare se stesso sè non si lamenta e parla e condivide idee e soluzioni.

Ricordo che l’università aveva dei laboratori poverissimi ma il prof. Disse” RAGAZZI HO IDEATO IL DISTILLATORE DA UNA LAVATRICE è la frugalità che vi renderà idonei al laboratori perchè avrete imparato l’arte del survaivor 😂😂 ” … certo forse con qualche buco in meno nelle scarpe appena acquistate era meglio! Ma aveva la mia stessa idea. Grazie prof.Bonsignore!

Nichilismo visto da me…

Mi piacerebbe che la mia psiche venisse curata da un filosofo anzicchè da una psichiatra. Almeno potrei interlocuire della difficoltà di ora e non della emotività del passato,potrei almeno porre domande esistenziali e non ricevere TSO gratuiti che vivo come VIOLENZA.

Ipersensibilità non é per me una condanna così come non é la solitudine,io vi coesisto senza nessuna difficoltà.Per me rappresenta più condannabile l’assenza di emotività,l’incapacità di riconoscere le proprie emozioni,di tratenerle di implodere o esplodere. E al centro vi è la COMUNICAZIONE. “So benissimo che lo psichiatra non ha il tempo di ascoltare puntura e via e neppure si preoccupa della riabilitazione di un ipersensibile dopo il ricovero.”Per fortuna mi interrogo e nel mio filosofare capisco tanto e ora vedremmo il futuro..

Oggi l’ho con UMBERTO GILIMBERTO che mi presenta il famoso NICHILISMO. E’ abbastanza diretto e chiarissimo nella sua spiegazione la difficoltà più grande e che si parla sempre e solo dei problemi che il nichilismo apporta. E il rovescio della medaglia? SOLUZIONI?

Il NICHILISMO c’è, purtroppo! Siamo arrivati a tanto accondiscendendo alla società attuale e non viene spazzata via con un CLIC. Quindi quali soluzioni vengono proposte? E possibile che la frugalitá sia una qualità sul quale poter fare leva.

Essa permette di trasformare il vecchio in nuovo passando per ciò che vi è.

Può essere la frugalità un modo per passare il testimone generazionale? Non condanno i giovani perchè ho un piccolo e VOGLIO CREDERCI. PERCHE’ NOI SIAMO IL CAMBIAMENTO CHE VOGLIAMO VEDERE NELLA SOCIETA’.quando? ORA,OGGI,IN QUESTO MOMENTO.

La conoscenza è LIBERTA’ di movimento se io conosco mi muovo senza PAURA. Il preggio attuale è che le informazioni sono accessibili a tutti essendo nell’era tecnologica anche molto velocemente con un CLIC ma la difficoltá più grande e che si commercializza l’esperienza.

Quindi non vi é più rispetto per chi quell’esperienza l’ha vissuta ma si fa proprio un vissuto altrui.

Ecco perché vi sono pochi ONE TO ONE VINCENTI CON I GIOVANI.

Si lo sò ci son già passato!Ai tempi non esisteva!non ho tempo di parlarne! Non si fa!

Non si fa! Stimola la curiosità del fare!Non ho tempo è legato al concetto di durevolezza nella giornata che è ridotta al minimo per come è la realtá a mio avviso bastano 15 minuti di presenza e ascolto attivo,ESSERCI rispetto a ore trascorse a ascolto passivo e non presenza,ai tempi non esisteva mi come va al BERBENISMO….Si lo sò ci son già passato e qui occorre fare ESPERIENZA. Quindi é nostra responsabilità (abiltá a rispondere) accompagnare il giovane DURANTE L’esperienza della vita qualunque essa sia.

Come famiglia alla base della società, come scuola alla base anch ‘essa della società sostenendo molto i primi 5 anni,come figure professionali in una fitta rete di sostegno al cambiamento COOPERAZIONE. Riconoscendo che ognuno puó fino ad un certo punto dopo vi è l’altro.

Amo la mia creatività odio la mia eticchetta da schizzofrenica.

Il mio isolamento mi permette di osservare e meravigliarmi! La difficoltà non è un adulto libero di essere se stesso ma la difficoltà più grande è l’adulto apatico emozionale. Il controsenso è :”si cerca nella robotica di dare emozioni alle macchine e si trasformano gli uomini in macchine senza emozioni” e io dico FUCK!

To be continue…

Una domenica alternativa…

Spezzare la routine quotidiana si può!

Osservo tanto i più piccoli ma nello stesso tempo a 42 anni sono rimasta molto bambina nella creatività.

Ricerco il semplice e la frugalità. Nulla si butta se non quando ha finito il suo decorso. Tutto si può riutilizzare e rigenerare,reinventare e trasformare al fine di essere ecologico.

Essendo d’autunno cos’ha si può fare nel pieno del rispetto ? RACCOLTA CASTAGNE!

Vi é un parco vicino nella zona in cui vivo che offre tante possibilità per le famiglie. http://www.esploraria.info/it/

Vecchia scatola di datteri ora centrotavola

In tarda serata un colpo di genio per smorzare la noia. IL GIOCO DELLE OMBRE!

E basta una semplice pila e un muro! Il resto é FANTASIA!

CURIOSITÀ “I bambini di sei anni ridono in media 300 volte al giorno, gli adulti solo tra le 15 e le 100 volte. E i bambini, per la loro immaginazione, inventiva e meraviglia sono tutti in qualche misura un genio, così come un genio resta in qualche modo un bambino.”

Fatevi contaggiare!

Nancy

ANNOTATE IL 20 NOVEMBRE “la loro giornata” e create Voi per loro.

Non sei mai stato bambino se non sei saltato a piedi pari dentro una pozzanghera, svegliando le fate che dormivano e facendole saltare in mille gocce di luce fino al cielo.

(Fabrizio Caramagna)